Associazione Volontari Italiani Sangue
Comunale di Cesena  ODV
 
 
 
 
 
 
 
   
 
 
  NEWS & FOTO  
 
 
 
 
 
18/05/2020
CNS: test sierologici
 
Nuova circolare del CNS su test sierologici
I test sierologici basati sull’identificazione di anticorpi Igm e IgG specifici per la diagnosi di Covid-19 non possono sostituire i tamponi naso-faringei.

Lo stabilisce una circolare emessa dal Centro Nazionale Sangue per contribuire a fare chiarezza sull’efficacia o meno di determinati accertamenti per le attività trasfusionali.

Come si legge nel documento, «il risultato qualitativo ottenuto da un campione di siero non è attendibile», in quanto l’eventuale presenza di anticorpi rilevata con questa procedura non è indicativa di un’infezione in atto e, di conseguenza, non è in grado di stabilire se vi sia o meno il rischio di trasmissione del virus.

Nel ribadire le finalità per le quali il test può essere effettuato, tra cui la stima della diffusione dell’infezione in una comunità o l’avvenuta esposizione al virus, tuttavia, la circolare definisce “lacunose” le attuali conoscenze scientifiche relative ai test sierologici sul riuscire a fornire informazioni su:

- presenza di anticorpi neutralizzanti in grado di proteggere dall’infezione o malattia;

- persistenza degli anticorpi a lungo termine

A tale proposito, ricordiamo che lo stesso Ministero della Salute ha precisato sul suo sito, nella sezione dedicata al “Coronavirus”, che «i test sierologici non sono attualmente dirimenti per la diagnosi di infezione in atto, in quanto l’assenza anticorpi non esclude la possibilità di un’infezione in fase precoce, con relativo rischio che un individuo, pur essendo risultato negativo al test sierologico, risulti contagioso. Inoltre, per ragioni di possibile cross-reattività con altri patogeni simili (come altri coronavirus della stessa famiglia), il rilevamento degli anticorpi potrebbe non essere specifico per SARS-CoV-2, quindi persone che in realtà hanno avuto altri tipi di infezioni e non COVID-19 potrebbero risultare positive alla ricerca degli anticorpi per SARS-CoV-2.

Inoltre, si conferma che non esiste alcun test rapido basato sull'identificazione di anticorpi (sia di tipo IgM che IgG) diretti verso SARS-CoV-2 validato per la diagnosi di contagio virale o di COVID-19.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta attualmente valutando circa 200 nuovi test rapidi basati su differenti approcci e che sono stati portati alla sua attenzione; i risultati relativi a quest’attività di screening saranno disponibili nelle prossime settimane».

A livello trasfusionale, infine, il CNS ribadisce, nella stessa circolare, quanto già comunicato precedentemente e cioè che non esiste alcuna evidenza che l’infezione da Covid-19 venga trasmessa per via trasfusionale e che, di conseguenza, l’attuale normativa non prevede di effettuare il test sierologico per la ricerca di anticorpi anti Covid-19 per la selezione del donatore o per la qualificazione biologica degli emocomponenti.

Da: avis.it
 
 
 
 
 
     
 
 
  AVIS Comunale di Cesena - Via Serraglio, 14 - 47521 Cesena (FC)
Tel. 0547 613193 - 352615 - Fax: 0547 369342
Email: aviscesena@libero.it
Privacy